Crostata salata con crema di Gruyère e radicchio - Secondi piatti

(26 Febbraio 2016) - pubblicato da

Difficoltà: bassa

Preparazione: 40 min

Cottura: 65 min

Dosi per: 4 persone

Costo: basso

NOTA: più il tempo necessario per far riposare la pasta brisè, circa 40 minuti

 

Presentazione

La crostata salata con crema di Gruyère e radicchio è una saporita e originale torta salata, semplice da preparare ma di grande effetto.

Una croccante pasta brisè nasconde al suo interno un delizioso ripieno realizzato con una gustosa crema di formaggio Gruyère, arricchita con radicchio rosso tagliato a julienne.

Il contrasto tra il sapore più dolce della crema di Gruyère e quello più amarognolo del radicchio dona alla ricetta un gusto tutto particolare.

Questa crostata salata ben si presta ad essere realizzata per un antipasto o un aperitivo sfizioso, ma può anche essere offerta come secondo piatto.

 

Ingredienti per la pasta brisè

Burro 100 g

Acqua 70 g

Sale 1 pizzico

Farina tipo 00, 200 gr

 

INGREDIENTI PER IL RIPIENO

Noce moscata q.b.

Groviera 250 g

Pepe q.b.

Sale q.b.

Vino bianco 30 gr

Radicchio rosso 300 gr

Burro 90 g

Latte 700 ml

Farina tipo 00, 100 gr

 

INGREDIENTI PER SPENNELLARE

Uova 1 tuorlo

 

Preparazione

Per preparare la crostata salata con crema di Gruyère e radicchio iniziate dalla realizzazione della pasta brisè: in un mixer mettete la farina setacciata e il burro a pezzi, freddo di frigorifero, quindi azionate l’apparecchio e frullate il tutto fino ad ottenere un composto sabbioso. Prendete l’acqua, che deve essere fredda di frigorifero, e aggiungetela, poca alla volta, al composto di burro e farina.

Impastate con le mani fino a formare un panetto compatto ed elastico. Ricoprite il pannetto ottenuto con della pellicola e mettete il tutto a riposare in frigorifero per almeno 40 minuti (per un approfondimento su come preparare la pasta brisè cliccate qui). Nel frattempo preparate la crema di Gruyère: mettete il latte a scaldare in un pentolino a fuoco basso e aggiungete la noce moscata grattugiata. In un pentolino a parte fate sciogliere 70 gr di burro, poi aggiungete, poca alla volta, la farina setacciata. Fate cuocere il tutto per qualche minuto, mescolando continuamente.

Togliete il pentolino dal fuoco e aggiungete al roux (farina e burro) il latte caldo, mescolando il tutto con un cucchiaio di legno. Rimettete ora il pentolino sul fuoco e portate lentamente ad ebollizione. Aggiungete il Gruyère grattugiato e continuate la cottura, sempre a fuoco basso, il tempo necessario per far addensare bene la crema e far sciogliere completamente il formaggio, mescolando di tanto in tanto, quindi spegnete il fuoco e mettete la crema di Gruyère da parte. In una padella antiaderente fate sciogliere il burro restante, aggiungete il radicchio tagliato a julienne, aggiustate di sale e pepe e sfumate con il vino bianco.

Fate cuocere il tutto fino a quando si sarà assorbito tutto il liquido rilasciato dal radicchio. Quando il radicchio sarà pronto, unitelo alla crema di Gruyère e mescolate per amalgamare tutti gli ingredienti. A questo punto foderate con la carta da forno, precedentemente bagnata, una tortiera di ceramica rotonda del diametro di 22-24 cm e alta circa 6 cm, estraete la pasta brisè dal frigorifero e, con l’aiuto di un mattarello, stendetela in un foglio sottile.

Adagiate la pasta brisè nella tortiera, eliminando quella in eccesso con un coltello, quindi bucherellatela leggermente con i rebbi di una forchetta. Aggiungete il ripieno, ormai tiepido e, utilizzando l’impasto che avanza, formate delle striscioline con l'aiuto di un tagliapasta seghettato.

Adagiate le strisce ottenute sull'impasto per formare la griglia tipica della crostata, quindi create anche i bordi superiori arrotolando tra loro due strisce di pasta. Sbattete un tuorlo d’uovo con una forchetta e spennellatelo sulla superficie della crostata, quindi infornate il tutto per 40- 45 minuti, in forno statico preriscaldato a 180°. La vostra crostata salata con crema di Gruyère e radicchio è pronta...Buon appetito!

 

Conservazione

Potete conservare la crostata salata con crema di Gruyère e radicchio in frigorifero, chiusa in un contenitore ermetico, per 2-3 giorni al massimo.

 

Consiglio

Se preferite, potete rosolare il radicchio con l’aggiunta di pancetta (dolce o affumicata) e/o porro.

Se servite la crostata ancora calda, la consistenza sarà più cremosa. Se preferite una consostenza più compatta lasciate intiepidire la torta.

 

Fonte: giallozafferano.it



Torna alle ricette

Regione:Lazio

Quando:21 Febbraio 2018

(Lazio), STERILIZZAZIONI GRATUITE
Continua la campagna di STERILIZZAZIONI GRATUITE nel Lazio rivolta ai gatti di colonia e ai cani e gatti in attesa di adozione.

EVENTI IN EVIDENZA